Elena SoveriniHa studiato danza Classica e danza Jazz dal 1992 presso l’Associazione Coreutica Grand Jeté di Castel Maggiore (BO), sotto la guida di Ersilia Patrizia Piccolomini (RAD Registered Teacher), seguendo il metodo della Royal Academy of Dance (danza classica), e della Imperial Society of Teaching of Dancing (danza modern-jazz).

Ha superato gli esami di danza classica (metodo RAD): VIII grado, Intermediate Foundation, Intermediate e Advanced 1.
Ha superato, inoltre, gli esami di danza Jazz (metodo ISTD, sezione modern theatre): Intermediate Foundation, Intermediate e Advanced 1. Nel 2010 intraprende gli studi anche della danza contemporanea.

Ha partecipato e si è distinta, quale solista, in numerosi spettacoli e rassegne di danza di importanza nazionale e ha preso parte a numerosi stages e corsi di perfezionamento di danza classica, jazz e contemporanea tenuti da maestri di chiara fama. Dal 2006 partecipa ai progetti culturali ‘Leggere per ballare’, organizzati dalla FNASD con il patrocinio del Ministro della Gioventù; nello specifico ha preso parte, come ballerina solista, a quelli che l’Associazione Espressione Danza di Bologna di Bianca Belvederi Bonino ha messo in scena in collaborazione con la Fondazione Aterballetto di Reggio Emilia, presso il teatro Comunale e il teatro Manzoni di Bologna.

Collabora attivamente dal 2002 nell’insegnamento della danza classica e jazz presso l’Associazione Coreutica Grand Jeté, dedicandosi con passione e studio anche alla coreografia.

Dopo due anni di studio teorico e pratico, nel 2011 ha conseguito il diploma del CBTS (Certificate in Ballet Teaching Studies) della Royal Academy of Dance per l’insegnamento della danza classica; quindi dal 2012 è insegnante registrata RAD. Da allora si mantiene costantemente aggiornata partecipando a stage per insegnanti di danza classica, jazz e contemporanea, in modo da ricevere stimoli e offrire insegnamenti sempre più efficaci e completi.

Nel 2016 durante l’ISTD Summer School è vincitrice della borsa di studio internazionale dell’ISTD per insegnanti, che le permette di andare a studiare nella sede centrale dell’Accademia a Londra.

Nell’insegnamento, a partire dai bambini fino ai ragazzi, alterna la tecnica della danza classica e jazz, ad attività creative attraverso l’uso del corpo, come l’improvvisazione e il teatro-danza: lo scopo è quello di guidare gli allievi alla scoperta di vari tipi di movimento e a una loro personale interpretazione. Movimento ed emozioni diventano quindi uno strumento per avvicinarsi alla danza e all’arte in generale, interpretandola in maniera intima e personale, e, dunque, per conoscere meglio se stessi.